Come in un gioco di palloncini volanti
vo osannando i miei pensieri...tra il dire ed il faceto.


Lettori fissi

sabato 15 luglio 2017

Per me



Sono del parere che non si possa scrivere a comando. 
Non amo le scalette e neanche gli ascensorini...eheheh... 
In ogni cosa la spontaneità deve predominare. 
Sono sbagliata forse. 
Non mi interessa. 
La sensazione che ho quando faccio qualcosa di vero 
è troppo grande e non ho intenzione di fingere parole 
o disegnare qualcosa se non mi va. 
Credo che ciò non interessi a molti, 
ma la chiarezza nelle mie azioni è importante, 
quindi lascio questo scritto 
come testimonianza più per me che per altri. 
Se dovessi perdere la strada, magari rileggendo... 

Ecco tutto. 





4 commenti:

  1. Giusto così: bisogna scrivere a 'braccio' (anche se sono convinto che nello scrivere così ci sia sempre un meccanismo che smussa le punte più aguzze).

    RispondiElimina
  2. Forse sì e forse no...mai essere troppo sicuri. Abbraccio Riccardo, grazie!

    RispondiElimina
  3. Giusto. La testimonianza più che agli altri deve servire a noi stessi.
    Abbraccio Pia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gus. Spero sia così, abbraccio a te.

      Elimina